PINOT NERO MONTE SANTO

PINOT NERO MONTE SANTO

Pinot Noir Monte Santo IGT delle Dolomiti

Dal luogo di origine e antico nome “Sammontan”, viene tradotto Monte Santo, ad indicare un angolo di terra prospero e adatto alla coltivazione della vite.

Il vigneto viene seguito personalmente da Lorenzo Zanon nel quale concentra le sue conoscenze accumulate  in quarant’anni di esperienza  nel mondo del vino, dalla coltivazione alla produzione fino all’affinamento. La forma di allevamento è unica al mondo ed è stata pensata e realizzata  da Lorenzo, dopo 30 anni di studi e di prove :  si chiama  “sistema di allevamento Zanon L.” e  permette  un maggiore irraggiamento e ventilazione del vigneto.

L’analisi del terreno ha svelato che esso ha una composizione “di razza” (un grande terroir a detta di Jean Michel Ménant, specialista mondiale  del Pinot Noir, vedi testimonial), ideale per l’allevamento e la produzione di Pinot Noir; le barbatelle provengono da una selezione “ massale “  dei  grandi Pinot Noir di Borgogna. Il bosco che circonda il vigneto a nord, nord-est è essenziale per il mantenimento della biodivesità e permette di ridurre al minimo i trattamenti.

Lorenzo è appassionato di simboli e nell’etichetta ne sono racchiusi parecchi: innanzitutto la forma triangolare rappresenta una A come Alpago, però capovolta è una V come Venezia a voler sottolineare il legame che da sempre lega l’Alpago e la famiglia Zanon a Venezia. Poi c’è il Sole e la Luna che assieme alla Terra  fanno maturare il grappolo d’uva rappresentato. Infine c’è il logo di Lorenzo che rappresenta anche l’originale sistema di allevamento che ha inventato.

DESCRIZIONE

Al naso è delicato, uva fresca e fiori rossi (peonia, rosa), al palato è perfetto, materia generosa, elegante, complessa, senza clamore tutto in soavità.
La degustazione rimane in bocca con molta grazia, in nessun momento si verifica un fallimento, la costruzione è molto ben controllata.
Il Pinot Nero può ricordare lo stile della Côte de Nuits a Chambertin

Bottiglia vino pinot nero Valdepol Montesanto
VITIGNO
  • Anno impianto: 2014
  • Varietà:  100% Pinot Noir
  • Terreno: calcare prevalente, argilla
  • Altitudine: 560 m.s.l.m.
  • Esposizione: Sud
  • Resa per ettaro: 35 qt/ha
  • Allevamento: unico al mondo  (chiamato  AllevamentoZanon L. ), il culmine di trent’anni di ricerca in campo sui vigneti di Borgogna, unisce i benefici del Guyot singolo di Borgogna metodo in Lyra e della Pergola tradizionale usata storicamente a Codenzano
  • Vendemmia: manuale a fine settembre
VINIFICAZIONE
  • vendemmia che si protrae da fine settembre per tre settimane, per cercare il massimo equilibrio in ogni grappolo
  • Parziale  diraspatura
  • Follature continue e quotidiane
  • Fermentazione in acciaio
  • Successiva sosta in barriques  speciali di rovere francese “ ROSA di ZANON DI BORGOGNA” con tostatura GC lunga e dolce, di primo passaggio, da 12 a 18 mesi a seconda dell’annata, in riduzione, sulle “ lies” fini
  • Malolattica spontanea in barrique
  • Imbottigliamento  e  affinamento in bottiglia dagli 8 ai 12 mesi
  • Non filtrato

ETICHETTA MONTE SANTO :

“Ogni dettaglio di questa etichetta originale ha un significato profondo che mi propongo di spiegarli tutti.

  •  Il TRIANGOLO  rappresenta simbolicamente le montagne delle dolomiti
  • Il BLU rappresenta l’acqua necessaria all’apporto di minerali che contribuiscono alla tipicità e finezza degli aromi delle uve. Come sapete non manca l’acqua in Alpago.
  • Il GIALLO rappresenta il sole che trasmette tutta la sua energia all’uva per consentire una buona maturazione a questa quota.
  • La SIGLA al centro dell’etichetta rappresenta sia il metodo di allevamento delle viti che la « A rovesciata » dell’ALPAGO .
  • Infine la LUNA con i suoi cicli è fondamentale per lo sviluppo della pianta e dell’uva. Anche le querce utilizzate per fare le “barrique” d’affinamento  vengono tagliate a lune particolari. Queste fasi lunari sono elementi energizzanti che vengono trasmessi all’uva.

Ci sono altri dettagli dell’etichetta che raccontano altre storie… da scoprire con il tempo.

Per me un GRANDE VINO  è un’ALCHIMIA dove ogni dettaglio conta … e alla fine la verità si trova nel bicchiere !

Lorenzo ZANON

Monte Santo è forse l’unico vino al mondo al quale è stata dedicata un’opera musicale.

Preferenze Privacy
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.