Pressprova

PRESS

Corriere delle alpi 27/07/2020

MARTINA GRASSO

Un vitigno capriccioso, delicato ed esigente.

Una donna caparbia, infaticabile e appassionata.

E un borgo rurale disteso al sole tra boschi, prati e pendii.

Sono questi i protagonisti di una storia che ha il sapore dell’entusiasmo e della fatica, dei raffinati sentori di un vino esclusivo, della solarità di un progetto visionario.

È la storia di Katja Zanon e del suo Pinot Nero, vino che costituisce per ogni produttore un’autentica “prova di bravura”, al quale ha deciso di dedicarsi in modo esclusivo, quasi totalizzante nel 2011.

Quando aveva quasi quarant’anni, die figlie e un impiego in tutt’altro settore.

Ma anche un piccolo appezzamento di terreno dei pressi della casa di famiglia a Codenzano di Chies d’Alpago (a 560 metri di altitudine), una passione per il vino nata corsi per Somellier, e i ricordi d’infanzzia quando suo padre la portava nel piccolo vigneto che coltivava per consumo domestico.

Disboscare e ricostruire

“La viticoltura, seppur per il consumo familiare è sempre stata praticata a Codenzano” precisa lei “tanto che i muretti dei i terrazzamenti viticoli erano parte della struttura del paese, dov’era noto che terreno e microclima erano favorevoli all’agricoltura. Poi l’alluvione del 1966 spazzò via molti muretti a secco e l’abbandono della faticosa agricoltura di montagna fece prosperare la vegetazione selvatica. Tanto che quando mi misi in testa di riavviare il vigneto, la prima necessità fu disboscare e ricostruire i terrazzamenti”.

“È stata un’idea un po’ folle” ammette. Lavoravo con il mio compagno Gianluca nella sua impresa che si occupa di energie rinnovabili ed ero proprietaria di mezzo ettaro di terreno assieme alle mie sorelle, cui non interessava coltivarlo. Non avevo nemmeno grandi mezzi economici né conoscenza del settore. Però avevo, allora come adesso, il mio compagno al mio fianco per affrontare un lavoro immane, che – tra l’altro- molte persone mi sconsigliarono di intraprendere. Avevo, nel frattempo, coinvolto in questa avventura anche mio cugino Lorenzo, enologo nelle grandi cantine della Borgogna, dov’è nato: la sua grande esperienza nel territorio d’elezione del Pinot Nero ci ha sostenuti e incoraggiati moltissimo. E, con gigantesca fatica, siamo riusciti a creare il vigneto nel modo più naturale possibile: abbiamo persino scortecciato a mano, uno ad uno, migliaia di pali di acacia per il sostegno alle viti. In paese ci guardavano con curiosità, soprattutto quando cominciammo a costruire la nostra piccola cantina, perché i pochi viticoltori bellunesi non erano, allora, produttori di vino ma conferitori di uve. E quando nel 2015 inviammo in Borgogna il primo vino della vendemmia 2014, ottenemmo il giudizio incoraggiante di autorevoli degustatori: fu un momento decisivo, in cui tutte le le fatiche furono ripagate dalla consapevolezza di essere sulla strada giusta. Da allora il mio lavoro è proseguito, se possibile, con ancor più energia, fortunatamente apprezzato anche da alcuni ristoratori della zona, che sono diventati i nostri primi e fondamentali promotori”

mille bottiglie

Katja, Gianluca e Lorenzo hanno così acquisito altri terreni a Codenzano e tolto altra vegetazione selvaggia per fare posto alle viti, che ora si estendono a circa tre ettari, dai quali ricavano più o meno un migliaio di bottiglia l’anno di solo Pinot Nero. Pochissime, è vero. Ma di una qualità rara. Come quello scampolo di Dolomiti al quale la caparbietà di Katja ha impresso nuova energia produttiva.

Il bilancio – Dieci anni di entusiasmo e tanti nuovi progetti

“A quarant’anni ho scelto di dedicarmi alla terra, e nonostante le grandi fatiche ne sono entusiasta. Dopo quasi dieci anni, ho ancora molti progetti per i miei vigneti e la mia cantina. E il desiderio è che continuino a darmi le emozioni che mi stanno dando”

I Giudizi – elegante, generoso e perfetto al palato

“Eleganza”, “materia generosa”, “perfetto al palato”: così alcuni specialisti di fama mondiale hanno definito i quattro diversi Pinot Nero di Katja. Che, dopo infinite cure in vigna e in cantina, sostano per mesi in esclusive barriques in rovere della Loira.

Attestato Miglior Vino Rosso da Pinot Nero XII concorso Enologico dei Vini Bellunesi
Preferenze Privacy
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.